The five freedoms

Il concetto di salvaguardia del benessere animale in condizioni di cattività e allevamento è stato, per la prima volta, codificato nel 1965 dal “Brambell report” del Technical Committee to Enquire into the Welfare of Animals kept under Intensive Livestock Husbandry Systems in Inghilterra, e successivamente rifinito nel 1979 dal Farm Animal Welfare Council (FAWC), esitando in quelle che sono chiamate “the Five Freedoms”.

Il benessere di un animale comprende sia lo stato fisico che quello mentale e quindi implica una condizione di buona salute fisica ma anche un senso di vero e proprio benessere.
Ogni animale tenuto dall'uomo deve almeno essere protetto da inutili sofferenze.

Le Cinque Libertà dunque sono categorie che racchiudono le principali esigenze animali che devono essere rispettate in tema di benessere; sono condizioni ideali più che precisi standard da seguire ma sono applicabili come schema di valutazione del benessere in diversi sistemi di allevamento, sia intensivo che estensivo.


  1. Libertà da Fame e Sete
    tramite il libero accesso ad acqua fresca e ad una dieta che mantenga in piena salute e pieno vigore.

  2. Libertà da Disagio
    fornendo un ambiente adeguato con aree confortevoli in cui rifugiarsi e riposare.

  3. Libertà da Dolore, Ferite e Malattie
    tramite profilassi, rapida diagnosi e trattamento.

  4. Libertà di Esprimere Comportamenti Normali
    fornendo spazi sufficienti, strutture adeguate e la compagnia di conspecifici.

  5. Libertà da Paura e Sofferenza
    assicurando condizioni e trattamenti che evitino sofferenza mentale.

INDIETRO

Tel. 035.363192

Reperibilità per
URGENZE

Disponibilità
24h su 24.

QUESTIONARI

QUESTIONARI

INIZIA ORA